Giuseppina Torregrossa

Ultimi articoli

Lea Garofalo

ottobre 21, 20132 commenti

Il primo bacio le allappò la bocca, come avesse succhiato il gambo dell’acetosella. Poi fecero l’amore e a Lea che aveva solo tredici anni, sembrò di assaggiare una mela dalla polpa croccante. Del verme che cresceva dentro di lui non se ne accorse, perciò lo seguì fiduciosa, fino a quella città dal cielo grigio e [...]

continua a leggere »

Sostantivo femminile che si snoda tra promesse e lusinghe come una lunga linea sinuosa dal colore brillante e dalla tonalità intensa. Ogni sillaba che la compone ha un suo significato e tutte insieme indicano con chiarezza l’essenza di questo pretestuoso significante.
C’è nella esse iniziale, appena sussurrata da due rosse labbra semiaperte, atteggiate al bacio, [...]

continua a leggere »

stefano

ottobre 21, 2013Nessun commento

A Stefano piaceva la torta di mascarpone. “E’ pesante, non puoi mangiarla sempre” diceva sua madre e, insensibile alle sue richieste, la preparava solo il 16 marzo per il suo compleanno. Quel giorno i Monzani, che venivano da San Benedetto del Tronto, cominciavano il pranzo con le Olive ascolane, continuavano con riso e patate e [...]

continua a leggere »

Al tramonto il mare diventava una pozza d’inchiostro. La tonnara Florio si schiariva, le mura viravano al giallo e impallidivano. La sabbia si impreziosiva di un riflesso dorato. Quella era l’ora del passìo. Marcello e Gianfranco, il collo ornato da coralli rossi come le labbra, ancheggiavano nei pantaloni a zampa. Li inseguiva un codazzo di [...]

continua a leggere »

Ragazzi miei, quand’è cominciata questa mia scucivulizza che fin dai primi giorni di dicembre mi trasforma in una grattugia per cipolle, non saprei dirvelo, certo è che in un momento preciso della mia vita il Natale ha perso l’azzurro intenso che ha il cielo di Palermo quando è sereno per virare al grigio fumoso che [...]

continua a leggere »

E se “Il romanzo di Palermo” dovesse scriverlo uno straniero, anzi una straniera? Una di quelle immigrate che conoscono la lingua più e meglio di noi, che pronunciano la parola “nuddu” con eleganza e ironia? Che fa allora ci offendiamo tutti? Oppure sorridiamo con sufficienza, tanto nulla è eterno. Nessuno infatti conosce meglio di noi [...]

continua a leggere »

Questo racconto è dedicato a Clotilde
Sono al liceo, pare che io sia diventata grande. A me veramente sembra di essere sempre la stessa. Mio padre, lui sì che è molto cambiato. Mi rimprovera di continuo: “Questo no, questo sì”. All’improvviso nulla di tutto quello che faccio sembra andare bene: “Una ragazza di buona famiglia [...]

continua a leggere »